Libri

“CITAZIONI”

  • “Nella mia ormai lunga attività di psicologo ho avuto modo di constatare come il termine “psicologia” sia circondato di mistero… Più di una volta mi sono sentito dire : “…ma in definitiva, cosa è la psicologia ? Di che cosa si occupa? Che cosa guarisce ?…”. Alcuni pensano che lo psicologo sia un signore che sottopone dei test”; oppure una specie di direttore spirituale. A meno che non lo si consideri una specie di stregone o di mago … o qualche altra cosa ! Se sono molti coloro che conoscono lo scopo e i metodi della psicologia, più numerosi sono quelli che li ignorano completamente. vengono a consultarmi sia per un caso di timidezza che per una nevrosi. Alcune madri (spaventate senza nessun motivo, dato che non conoscono bene il problema) mi confessano che “il loro ragazzo si interessa troppo del suo corpo …così giovane, signore; è una cosa terribile …”. Oppure sono ragazzi ribelli quelli che bussano alla mia porta, accompagnati da padri furiosi. O altre persone ancora, che vengono semplicemente perchè desiderano sapere. Altri invece vogliono conoscere ciò che essi sono, che cosa possono diventare, che cosa c’è nel profondo di se stessi. Esaurimenti nervosi, ulcere allo stomaco; problemi sessuali, problemi di vita quotidiana, gravi questioni di educazione… e qualche volta vien fuori che molti adulti esigono da un ragazzo cose che non pretenderebbero da se stessi. Ho visto genitori ammirevoli, genitori che cercano la verità e genitori incoscenti. Ho visto giovani ammirevoli, e giovani incoscienti. Ho sperimentato che tutto ha una causa, la grandezza come la bassezza. Davanti a me sono passati molti volti sofferenti. Tutto questo fa parte della mia professione che si basa rigorosamente sulla scienza, ma soprattutto sulla fede nell’uomo. Tutto ciò che è umano è di competenza della psicologia, normale o anormale che sia.” CHE COSE’ LA PSICOLOGIA Pierre Daco
  • “Alla base dei problemi relazionali dei giovani c’è l’incapacità di riconoscere e gestire in modo consapevole le proprie emozioni e quelle dell’altra persona; è questo che genera fenomeni come il bullismo, l’autolesionismo, l’aggressività. ” LEGGIMI NEL PENSIERO Maura Manca

  • “Il corpo è spesso miglior rivelatore delle affermazioni verbali del paziente poichè queste riflettono ciò che vi è nella mente cosciente dell’individuo, mentre l’espressione del corpo dimostra direttamente l’atteggiamento inconscio della persona nei confronti del mondo e di se stessa; come si muove, il grado di motilità nel corpo , la quantità di sentimenti negli occhi, la profondità del respiro, il calore e il colore della pelle, tutti questi dati oltre ad altri indici, rivelano lo stile di vita di un individuo. Essi sono un aspetto della sua realtà e possono essere collegati a un altro aspetto della realtà, che è la vita psichica o interiore . È necessario stabilire questo collegamento se si vuole che un paziente scopra chi è. ” LA DEPRESSIONE E IL CORPO” Alexander Lowen

  • L’anoressia e la bulimia sono il sintomo tangibile di un dolore che non si vede di un disagio psicologico lungamente incubato, segno di una crepa nella memoria o nella vita famigliare. La persona anoressica e la persona bulimica sono come il gatto dei cartoni animati che inseguito dal grosso cane di quartiere si arrampica velocemente in cima ad un albero, per cercare il rifugio e la protezione che non saprebbe trovare altrove. Da lassù guarda con sufficienza e sollievo ciò che dal basso lo minaccia. Da lassù è sicuro di avere un controllo totale, a trecentosessanta gradi, del mondo sottostante. A un certo punto però la questione diventa scendere dall’albero: il gattino non sa più tornare a terra e deve stare sempre più attento a non perdere l’ equilibrio, perchè la caduta potrebbe essere mortale. In più se scendesse dovrebbe anche fare i conti con ciò da cui si era messo al riparo. “FAME D’AMORE ” Fabiola De Clercq

Ricevi i nuovi contenuti direttamente nella tua casella di posta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: